Homepage

IT  |  DE  |  FR  |  EN      CERCA
www.turismo.como.it » Itinerari ed escursioni » A piedi

Itinerari ed escursioni sul lago di Como



Spina verde

Si parte da piazza San Rocco, o dal piazzale di Camerlata (raggiungibili con il bus ), e da qui ci si incammina verso il Castel Baradello, dalla cui torre si gode di un panorama su Como.
Proseguendo per Respaù, punto panoramico splendido che permette la vista a 360 gradi sul territorio e sui paesaggi circostanti, si arriva agli scavi archeologici di Pianvalle.
Qui si estendeva, dalla fine dell'età del bronzo fino alle invasioni galliche del IV secolo a.C., l'abitato corrispondente alla Como indigena, appartenente alla cultura golasecchiana, abbandonato poi in epoca tardo-celtica.
Si procede infine verso il colle di Sant'Euticchio, dove si trova una grande croce di ferro, costruita in occasione del XIX Centenario della Crocifissione di Gesù Cristo, e dove si può ammirare un panorama mozzafiato sulla città e sul primo bacino del lago.
L'itinerario si conclude scendendo a Prestino, o a San Fermo della Battaglia, quindi rientrando a Como con il bus. Durante l'itinerario è possibile sostare e rilassarsi in una delle tante baite che si incontrano e dove è possibile trovare i prodotti tipici della cucina lacustre.
 
Per informazioni e visite guidate 
Consorzio Parco Spina Verde di Como
Tel: 031/211131
E-mail: segreteria@parcoregionalespinaverde.191.it

Torno - Monte Piatto

L'itinerario ha inizio a Torno, nella piazza del paese. Da qui parte una stradina in salita che porta al piazzale Largo degli Alpini. Da qui si imbocca la mulattiera a destra che permette, in 1 ora circa di cammino, di raggiungere Monte Piatto. Arrivati, si prosegue seguendo le indicazioni per la Chiesa, da cui sarà possibile ammirare uno stupendo panorama. Da lì si procede poi sul sentiero che porta alla Pietra Pendula, un gigantesco masso erratico a forma di fungo, chiamato così per l'apparente instabilità.
L'itinerario si conclude tornando verso Torno da una strada alternativa che porta a Piazzaga, dove è possibile fermarsi per pranzare in una trattoria tipica. Sulla strada si incontra anche una deviazione, che consigliamo, per andare a vedere i massi avelli, monumenti funerari scavati a forma di vasca nell'interno di massi erratici di grandi dimensioni.